Forze di polizia in pensione: Vargiu chiede il ricalcolo degli arretrati maturati durante il blocco contrattuale 2011-2014.

lunedì 23 marzo 2015

VARGIU – Al Ministro dell’Economia e delle finanze, al Ministro per la Semplificazione e la pubblica amministrazione e al Ministro dell’Interno – Si chiede si sapere – Premesso che:

Al fine di corrispondere alle esigenze di razionalizzazione delle risorse disponibili e di quelle connesse all’espletamento dei compiti istituzionali delle Forze di polizia, nelle more della definizione delle procedure contrattali e negoziali di cui all’articolo 9, comma 17, del D.L. 78/2010, convertito con modificazioni dalla Legge 122/2010 recante “Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica”, il comma 266 dell’art. 1 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” avvia le procedure per la revisione dell’accordo nazionale quadro in deroga dell’art. 30 del D.P.R. 164/2002.

Il comma 267 della legge di stabilità 2015 stabilisce che la revisione di tali accordi deve tenere conto del mutato assetto funzionale, organizzativo e di servizio derivante dalle misure di contenimento della spesa pubblica previste dai provvedimenti in materia finanziaria dall’anno 2010, con particolare riferimento a quelle del parziale blocco del turn over nelle Forze di polizia e alla conseguente elevazione dell’età media del personale in servizio.

Le norme sopra richiamate intervengono significativamente sul comparto sicurezza e prevedono, a decorrere dal 1° gennaio 2015, lo sblocco dei contratti degli addetti delle Forze di polizia e degli assegni loro spettanti (passaggio di grado, anzianità di servizio, assegno funzionale a 17, 27 e 32 anni di servizio, omogeneizzazione stipendiale, ecc.) sospesi dal 2011 al 2014 secondo quanto stabilito dal D.L. 78/2010.

Tali previsioni non hanno tuttavia effetti retroattivi, pertanto i commi 266, 267 e 268 della legge di stabilità 2015 non riconoscono al personale in pensione gli arretrati degli assegni loro spettanti maturati durante il periodo ricadente tra il 1º gennaio 2011 e il 31 dicembre 2014, a differenza di quanto invece verrà riconosciuto al personale ancora in servizio a decorrere dal 1° gennaio 2015.

Tale penalizzazione – se non modificata attraverso il ricalcolo dell’assegno di pensione mensile percepito ed il trattamento di fine rapporto liquidato in base ai diritti maturati dal 1° gennaio 2015 – rischia di introdurre una inaccettabile difformità di trattamento tra il personale di pari grado e pari anzianità ancora in servizio ed il personale attualmente in pensione

Si stima che il personale delle Forze di polizia andato in pensione durante il periodo di blocco contrattuale si aggiri intorno alle quattromila unità – :

quali provvedimenti legislativi intendano tempestivamente proporre al fine di riconoscere gli assegni spettanti al personale delle Forze di polizia attualmente in pensione maturati tra il 1° gennaio 2011 ed il 31 dicembre 2014.

19 Comments to "Forze di polizia in pensione: Vargiu chiede il ricalcolo degli arretrati maturati durante il blocco contrattuale 2011-2014." inserisci un commento
antonio
10 aprile 2015 at 15:33

Scrivi il tuo commento qui… eccellente iniziativa,per non discriminare chi AVEVA maturato il “diritto”.,e poi vederselo “dimenticato”;
Bravo Pierpaolo,sempre pronto a svolgere il proprio mandato,nell’interesse del popolo;

complimenti

antonio
22 maggio 2016 at 11:17

nel 2011 ho maturato l’assegno di funzione dei 27 anni, poi il signor Monti ha bloccato tutto ( perché non se lo bloccava lui e la fornero) mi è stato dato un una tantum e a tutt’oggi trovandomi in congedo dal 2012 nessun emolumento mi è stato corrisposto ma quando ci uniamo tutti e andiamo dal signor Renzi? VERGOGNAAAAAAAAAAAAAAAA

Nome (richiesto)Giovanni
14 maggio 2015 at 20:27

non ci scordiamo che al momento dell’arruolamento avevamo firmato un contratto in cui l’ultimo assegno funzionale si percepiva a 29 anni di servizio e non a 32 quindi doppia penalizzazione. Ricordiamo anche che l’assegno funzionale serve anche a definire il ricalcolo della tua pensione. comunque sono d’accordo con l’iniziativa intrapresa.

Michele
25 giugno 2015 at 14:20

Salve io sono stato riformato a Luglio 2011 e il 4 gennaio 2011 ho maturato l’assegno dei 27 anni, ho preso 500,00 euro una tantum e a tutt’ora non ho piu’ percepito nulla, la mia Direzione mi ha detto che il mio assegno risulta in pagamento gia’ da un paio di mesi ma a tutt’ora non ho ricevuto nulla, sarebbe il caso di presentare qualche richiesta o devo ancora aspettare? Grazie x l’eventuale consiglio…..

Filippo
24 luglio 2015 at 14:17

Salve. A seguito della Sua interrogazione parlamentare a risposta scritta circa l’assegno funzionale non corrisposto a chi pur avendolo maturato non l’ha percepito perché congedatosi durante il blocco degli stipendi e del tetto salariale 2011/2014 ci sono novità dia per la risposta che per il parere fella Ragioneria Generale dello Stato? Grazie

volfango
12 ottobre 2015 at 10:33

Salve,, sono anche io nella medesima situazione di chi aveva maturato il secondo assegno di funzione vistosi poi bloccato. Di seguito riformato per invalidità e quindi pensionato. Ricevuto unatantum. Attualmente la mia amministrazione dice che avendo ricevuto l’unatantum non avrei alcun diritto. Mi sembra una negazione ad un diritto acquisto. Cosa fare: attendere risposte parlamentyari o unirmi ad un ricorso collettivo ?
Grazie

gennaro
15 ottobre 2015 at 17:07

Salve. Grazie per la lodevole iniziativa volta a portare giustizia a chi ha servito la repubblica Italiana per 35 anni. Allo stato attuale ( 15 ottobre 2015) ci sono novità. Ho sentito colleghi che vorrebbero intraprendere la strada del ricorso . Grazie

Nome (richiesto)Roberto
6 ottobre 2015 at 14:14

Scrivi il tuo commento qui…Assegno funzionale maturato agosto 2011. Nel settembre 2012 riformato per motivi di salute. Anch’io ho ricevuto un assegno una tantum e poi non so più nulla, a parte che ultimamente mi è stato risposto dal C.N.A. di Chieti che per il personale in congedo al 1° gennaio 2015 non spetta più nulla. Ma se mi è stato dato un “una tantum” significa che l’assegno mi spetta………o sbaglio??? Perchè non danno una risposta definitiva in merito invece di girarvi intorno??? Saluti a tutti e buon lavoro ai nostri colleghi

Gabriele
9 maggio 2016 at 18:37

Anche io nella Vostra posizione. Terzo assegno funf maturato 01/10/2011. Percepiti una tantum anni 2013 e 2014. Collocato in congedo a domanda 23/10/2014: l’assegno di funzione è finito nel dimenticatoio. Che dobbiamo fare?

Roberto
28 gennaio 2016 at 17:53

Qualcuno sa dirmi qualcosa riguarda allo scatto funzionale maturato nel periodo del blocco 2011/2014?….grazie e saluti..

antonio
8 febbraio 2016 at 10:46

chiedo a qualcuno di voi se potete mandarmi il ricordo che si deve fare e facciamolo tutti per l’assegno funzionale bloccato nel 2011 e non corrisposto a chi nel periodo tra il 2012 e 2014 è andato in pensione cosi’ questa ingiustizia deve essere cancellata

Salvatore
13 marzo 2016 at 22:51

Io nel 2011 ho maturato 10 anni nel grado di maresciallo capo (transito dal 7 al 7 liv bis). Sono andato in pensione nel 2012 e, nonostante ho ricevuto una somma una-tantum fino a quando ero in servizio, sulla pensione e sulla buonuscita l’aumento non mi è stato corrisposto. Ritengo sia una vera ingiustizia. Datemi notizie di eventuali ricorsi che aderisco subito. Grazie

antonio
16 marzo 2016 at 14:22

sono un appuntato sc riformato in data 14.03.2014 dal c.m.o. Chieti Scalo. Ho perso il 3° assegno di funzione. Comunque ho contattato un mio amico avvocato nella provincia di Pescara, il quale è disposto ad intraprendere un ricorso al Tribunale del lavoro di Pescara.. Per ulteriori notizie mi potete contattare alla mia e-mail. marras1963@libero.it

Bruno
9 aprile 2016 at 0:43

Sono in pensione dal 1° dicembre 2011. A settembre 2011 ho maturato i 32 anni utili per l’assegno funzionale; il 4 novembre 2011 ho conseguito la promozione a Brigadiere Capo. Continuo a prendere la pensione da Brigadiere. Ho preso il tfr da Brigadiere. Ho perso la speranza vedermi corrisposto quanto dovutomi. Non vedo nessuna azione intrapresa dai pensionati che si trovano nella mia stessa situazione.

Nome (richiesto)Giuseppina Pietrobon
4 maggio 2016 at 23:30

nella stessa situazione . In pensione dal 2013 e maturato il 1′ assegno funzione + il passaggio di grado da vice a sovrintendente …. Vorrei fare ricorso , che voi sappiate qualcuno ha già intrapreso questa strada?
Grazie se potete rispondermi
Giuseppina Pietrobon

renato
12 maggio 2016 at 11:39

sono andato in pensione novembre 2013 mi hanno corrisposto una tantum per due anni inerente l’assegno funzionale dei 32 anni di servizio maturato nel 2011. Chiedendo alla mia Amministrazione non riescono a darmi spiegazioni. Avete qualche notizia in merito? grazie. Complimenti per il sito.

Pantaleo
24 maggio 2016 at 18:41

Ciao a tutti. anch’io sono una vittima del blocco contrattuale. Sono andato in pensione con i 40 anni il 1° aprile 2013. ho quindi maturato l’assegno di funzione previsto a 32 anni. mi hanno dato l’una tantum, ma la pensione mi viene corrisposta con l’importo maturato dei 32 ma con quello dei 27. Volevo sapere se è possibile intraprendere un azione risarcitoria, un ricalcolo della pensione o qualche iniziativa che possa riportare omogeneità nel corrispondere la pensione a parità degli altri. Vi sono grado sin d’ora per una vostra cortese risposta. Grazie

giuseppe giammarinaro
22 giugno 2016 at 12:43

sono stato riformato dall’arma dei carabinieri il 10.10.2014 e maturato il secondo assegno funzionale il 14.10.2013 il c.n.a di chieti mi ha risposto che non mi compete perchè era ancora in atto il blocco. per me è un ingiustizia. qualcuno puo aiutarmi grazie.

Salvatore
4 marzo 2017 at 16:30

considerato che sono trascorsi due anni dallo sblocco salariale (1.1.2015) per il personale in servizio, gradirei conoscere eventuali novità per quelli che siamo in pensione ed avevamo maturato degli aumenti nel periodo del blocco, che non sono stati calcolati sulla pensione.
Grazie

Inserisci un commento

In Agenda