inps

martedì 19 maggio 2015

Inps, Sardegna al top su invalidità e accompagnamento. Regione intervenga!

Sono inquietanti i dati Inps sulle indennità di accompagnamento e sulle pensioni di invalidità in Sardegna nel 2014, riferiti oggi dal Presidente Boeri nell’audizione in Commissione Affari Sociali. Ben 6 province sarde sono ai primi 14 posti nella classifica nazionale dei maggiori percettori di indennità di accompagnamento, mentre è tutto

martedì 19 maggio 2015

Inps, da Boeri proposte concrete e sostenibili per la lotta alla povertà. L’audizione in commissione

Così come era doveroso verso i nostri giovani l’approccio serio e selettivo del premier Renzi nella soluzione del nodo pensioni dopo la sentenza della Consulta, così appare convincente la proposta del presidente dell’Inps Boeri a favore dei 55-65enni in difficoltà. Ci sembra un sostegno mirato ed economicamente sostenibile diretto a

martedì 9 settembre 2014

Medici fiscali, solidarietà a chi tutela gli onesti dai furbi

I medici fiscali hanno ragione, la lotta all’assenteismo va sostenuta con risorse vere. Durante le audizioni in Commissione abbiamo constatato, di fronte a numeri inattaccabili, che il taglio delle risorse ha comportato meno controlli e meno accertamenti. La soluzione da noi indicata è chiara e largamente condivisa, il governo deve

giovedì 20 febbraio 2014

Medici fiscali, polo unico di controllo per garantire i diritti dei lavoratori in malattia

Per garantire il diritto di malattia di tutti i lavoratori occorre evitare ogni abuso di assenze e certificazioni. Confondere legittimi diritti con scuse e pretesti ha un costo che viene pagato da tutti e dunque solo con un sistema di controllo efficiente potremo promuovere equità e sviluppo. Il servizio di

giovedì 6 febbraio 2014

Medicina fiscale, la Commissione convoca l’Inps

La XII Commissione Sanità della Camera ha deliberato oggi l’inizio di un’indagine conoscitiva finalizzata alla soluzione dell’insostenibile vicenda dei medici fiscali che operano per conto dell’INPS. L’istituto previdenziale ha infatti drasticamente ridotto la propria attività di controllo, mettendo in grave difficoltà economica e professionale gli oltre 1500 medici che garantivano

In Agenda