rai

venerdì 2 ottobre 2015

Riforma Rai, in Sardegna centro di produzione per programmi in lingua inglese

La sede regionale della Rai di Cagliari diventi centro di produzione specializzato di programmi in lingua inglese con un focus particolare sulla promozione del Mediterraneo e dell’innovazione tecnologica. Una proposta trasformata in atto concreto con un emendamento alla riforma della Rai sottoscritto da altri dieci parlamentari. La Rai deve avere

martedì 25 novembre 2014

No canone in bolletta, Riformatori: ottimo il ripensamento del governo. Ora privatizzazione Rai!

“Il ripensamento del governo sull’introduzione del canone Rai in bolletta è una grande vittoria per chi si batte per un fisco giusto e per un rapporto trasparente e non odioso e vessatorio tra Stato e contribuente. Ora il governo Renzi ingrani la quarta e proceda verso l’abolizione del canone attraverso la privatizzazione dell’azienda. Fuori

martedì 18 novembre 2014

Canone Rai, stop a vessazioni dello Stato – La mozione

Atto Camera Mozione 1-00668 presentato da VARGIU Pierpaolo   La Camera, premesso che: negli ultimi anni si è manifestato un atteggiamento ad avviso dei firmatari del seguente atto di indirizzo spesso eccessivamente aggressivo e vessatorio della RAI nella gestione e nella riscossione del canone RAI, riconducibile anche alle difficoltà economiche

lunedì 17 novembre 2014

Privatizzare la Rai, abolire il canone!

In un Paese in cui solo gli slogan diventano liberali, dobbiamo sostenere e sfidare il governo a riforme vere: mentre si parla addirittura di far pagare il canone Rai all’interno della bolletta della luce – idea già bocciata in aprile dall’Autorità per l’Energia-, sentiamo il dovere di dire che bisogna

domenica 26 gennaio 2014

Sanità e costi standard, il confronto con Luca Zaia a Rai Parlamento

Sugli ospedali che lavorano di notte per sgrossare le liste di attesa ho qualche perplessità e predicherei prudenza. Gli ospedali dovrebbero lavorare per risolvere le acuzie e devono rappresentare un punto di riferimento per l’urgenza. Per il resto bisogna potenziare il territorio e investire 3-4 miliardi per far fronte al

In Agenda